Operazione di ventilata

Pesatura della Fava di Carpino

La parola “pesatura” viene utilizzata a Carpino per indicare l’operazione di sgusciatura e separazione della Fava dal baccello e dalla pianta.

La raccolta della Fava di Carpino segue più fasi, inizialmente le piante vengono falciate e legate in covoni chiamati “manocchi”, e lasciate seccare nei campi. Quando la pianta sarà secca, e poco prima della pesatura, verrà scelta un area di terreno dove sarà svolta la pesatura. Il terreno viene prima arato e bagnato, successivamente sarà ricoperto di paglia e schiacciato per poter ricavare una superficie piatta su cui lavorare chiamata “arij”.

  • Pesatura Fave di Carpino

La pesatura inizia ammucchiando i manocchi (covoni) di Fave di Carpino sull’area di terreno appena creata l’arij. Anticamente l’operazione di sgusciatura della fava dal baccello veniva fatta utilizzando uno o più cavalli, sotto il peso degli zoccoli il legume usciva dal baccello, oggi invece viene utilizzato il peso del trattore.

Poi con forconi si effettua la “ventilata”, cioè si procede a separare la paglia e la pianta secca dalla Fava. Per eliminare anche le particelle più piccole si utilizza una pala in legno per lanciare in aria quel che è rimasto della lavorazione, facendoci aiutare per la separazione dal vento e dalla gravità.

Infine si raccolgono a mano dal terreno le Fave di Carpino appena separate.

La raccolta della Fava di Carpino viene effettuata a mano date le dimensioni sia del frutto sia del baccello più piccole rispetto alla fava comune, che sarebbe difficoltosa con una normale mietitrebbia.

Ogni raccolto, come tradizione antica, viene accompagnato da una festa per celebrare il duro lavoro svolto ed il raccolto.


Di Nunzio Negozio on Line - e commerce